Viasona té indexats 4.209 grups, 10.373 àlbums i 79.750 cançons

'Ntonietta (Torino, 1959)

Alessio Arena

Lletra

Viene da una stanza vuota
fuori Porta Nuova,
con un bel vestito di ciniglia addosso.
Con le mani sopra gli occhi,
alla fermata per il tram, che senza manovratore
a folle corsa, attraverserà la città.

Ha la pelle bianca, di mattina stanca,
alla catena di montaggio, e un raggio di sole
entra dalla finestra del capo che la spia.

"Madamì, tu mi chiami Napolì,
ma accussì me so' 'mparata a vule' bbene
mmiez'a famma e mmiez'o scuorno"

'Ntonietta chiagne
a fernetura 'e juorno.

Pe' te sta' vicino
se ne jette 'n funno, chistu suonno.
Da Torino 'o Monte 'e Cristalline
pe' ccurrivo, pe' nun sta mai sulo.

Apri bene gli occhi quando parli dell'estate
dell'ottantasei, il sole è una macchia scura
se gli stai vicino.
Ed io sentivo l'ombra dei tuoi passi
camminare sopra i miei che non avevano
distanza, e non sentivano abbastanza
il peso delle tue bugie.

Chi meglio di te può correre?
Se l'unico amore,
fino a quest'ora,
ha avuto una gamba sola.

Tiènelo a mmente, nun se venne 'o core
chi s'arrenne sulo pe' 'nu mumento.
Quanno fernesce 'o juorno
s'acconcia 'a terra 'n funno.

Pe' te sta' vicino
Se ne jette 'n funno, chistu suonno
Da Torino 'o Monte 'e Cristalline
Pe' ccurrivo, pe' nun sta mai sulo.
Bestiari(o) familiar(e) - Portada

Compra aquest àlbum

Tens més informació sobre aquesta cançó? Ens la pots fer arribar mitjançant aquest formulari.

Altres àlbums del grup

URL curta